Signorina Else

Durante una vacanza estiva a San Martino di Castrozza, nelle alpi italiane, Else, una ragazzina austriaca di 16 anni, riceve una lettera dalla madre. Nella lettera la madre la induce a prostituirsi per ricevere i soldi utili a sanare il debito gravoso della famiglia. Abbandonata, angosciata, Else rifiuta il ricatto morale, decidendo di suicidarsi.

Lo spettacolo nasce da uno studio di Joyce, della Woolf e di Faulkner. Tutto accade in dieci secondi: il tempo del suicidio di Else. In questo tempo si succedono frammenti disordinati della memoria della ragazzina, felici fughe dalla disperazione e ritorno all’immagine chiara del suo destino di vittima.

La messa in scena è stata ispirata dalla pittura espressionista viennese: una scatola rossa si apre, rivelando il mondo di Else: un lago ghiacciato, una panchina di marmo, un lampione. Nel tempo di un’ora, l’attrice recita tutti i personaggi del testo.

 

Recensioni: